Browse By

Il crocifisso nelle scuole

(Dal Giornale d’Italia, 19 agosto 1925)

Fa il giro della stampa l’affermazione di un giornale fascista, che “il senatore Croce, liberale, vorrebbe ritogliere il Crocifisso dalle scuole”.

Vent’anni fa, in tempo di democratismo e di massoneria, io, nomino componente del Consiglio di vigilanza di una scuola popolare, feci prendere provvedimenti a carico di un nuovo direttore, che,come primo suo atto, si era permesso di rimuovere il Crocifisso dalle sue aule scolastiche. E tutti quelli che conoscono quanto ho scritto in proposito, sanno che sono stato apertamente favorevole all’insegnamento religioso nelle scuole elementari, da dare agli alunni delle famiglie che ne facciano richiesta e da affidare a persone che siano sinceramente credenti. Cosa, del resto, naturale, perchè sento e osservo i doveri che cultura e gentilezza d’animo impongono verso l’altra religione dei nostri padri.

Ciò che non mi è piaciuto, è lasciar correre o alimentare l’equivoco tra questo, che è l’atteggiamento liberale, e l’altro, che non so quale nome meriti, ma certo consiste nel trescare con i clericali.

Se a tale mia ripugnanza intendeva alludere il giornale fascista, ha detto il vero.

Con molti saluti, ecc…

Benedetto Croce, Pagine sparse, vol. II, Bari, Laterza, 1960.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *